Skip to content

Apple - Triplo avvio di macOS High Sierra, Ubuntu e Windows senza rEFInd

Basta cercare in altre pagine visto che sei arrivato nel posto necessario, abbiamo la risposta che ti serve ma senza complicazioni.

Soluzione:

Seconda risposta alternativa

Questo seconda risposta differisce dalla mia prima risposta nei seguenti modi.

  • La seconda partizione EFI viene sostituita da una partizione HFS+.

  • L'etichetta visualizzata nella Gestione avvio sarà "Ubuntu" invece del generico "EFI Boot".

Assumerò quanto segue:

  • Avete installato Ubuntu per utilizzare il metodo di avvio EFI.
  • State usando grub per avviare Ubuntu
  • Grub si avvia dalla partizione EFI.
  • C'è solo una partizione EFI.
  • La partizione EFI è la prima partizione del disco.
  • È presente un solo disco e il disco è interno.
  • rEFInd è installato nella partizione EFI.

Vi propongo due modi per risolvere il vostro problema. Ognuno ha i suoi pro e i suoi contro.

La Gestione avvio del Mac visualizzerà un sistema operativo se si colloca il file .efi nella posizione giusta. Questa posizione è la cartella System/Library/CoreServices del volume in una partizione HFS+. Il nome del file deve essere boot.efi. Inoltre, è possibile personalizzare l'icona visualizzata per il sistema operativo posizionando un elemento .VolumeIcon.icns nella cartella principale del volume nella partizione HFS+.

Il primo modo.

Nota: in questo caso, rEFInd viene ancora utilizzato, ma non in sostituzione di Startup Manager. Sarà possibile utilizzare una password del firmware. In effetti, non viene visualizzato alcun menu di rEFInd. Il gestore d'avvio rEFInd si limita ad avviare silenziosamente grub (che avvia Ubuntu).

  1. Scaricate rEFInd da questo sito di SourceForge. Suppongo che il file scaricato si chiami refind-bin-0.11.2.zip e che questo file sia stato scaricato sul vostro computer ~/Downloads .
  2. Creare una nuova partizione HFS+. Le istruzioni sono riportate nella sezione "Aggiunta di una partizione HFS+".
  3. Montare la nuova partizione HFS+ immettendo il seguente comando.

    sudo  diskutil  mount  disk0s3
    

    La nuova partizione HFS+ avrà il nome di volume Ubuntu.

  4. Installare rEFInd nel volume della nuova partizione HFS+.

    cd  ~/Downloads/refind-bin-0.11.2
    ./refind-install  --ownhfs  /dev/disk0s3
    

    Nota: Il messaggio di errore Could not set boot device property: 0xe00002bc era previsto e può essere ignorato.

  5. Configurare l'applicazione TextEdit. Aprire TextEdit, quindi spostarsi nella finestra "Preferenze...". Deselezionare tutte le "Opzioni", come mostrato di seguito. Al termine, uscire da TextEdit.

    y1

  6. Utilizzare il comando seguente per navigare nella cartella contenente il file refind.conf file.

    cd  /Volumes/Ubuntu/System/Library/CoreServices
    

    Eseguire una copia di backup di questo file.

    sudo  cp  refind.conf  refind.conf.orignal
    

    Aggiungere i permessi di scrittura al file CoreServices e alla cartella refind.conf e al file refind.conf .

    sudo  chmod  a+w  .  refind.conf
    

    Aprite il file nell'applicazione TextEdit.

    open  -e  refind.conf
    
  7. In questo volume, modificare il file System/Library/CoreServices/refind.conf per avviare silenziosamente grub (che avvierà internamente Ubuntu). Questo può essere fatto aggiungendo le seguenti righe alla fine del file refind.conf. Dovreste essere in grado di tagliare e incollare queste righe. Al termine, salvate le modifiche e chiudete TextEdit.

    #
    # Added to make rEFInd silent. 
    #
    menuentry "Ubuntu" {
        icon SystemLibraryCoreServicesiconsos_ubuntu.png
        volume "EFI"
        loader EFIubuntugrubx64.efi
        ostype Linux
        graphics on
    }
    timeout -1
    hideui all
    scanfor manual
    
  8. Smontare il nuovo volume denominato Ubuntuimmettendo i seguenti comandi.

    cd  ~
    diskutil  unmount  disk0s3
    

Pro: Ubuntu non è interessato, quindi qualsiasi aggiornamento di Ubuntu non richiederà attenzione.

Contro: è necessario utilizzare il gestore di avvio di terze parti rEFInd.

Il secondo modo.

  1. Creare una nuova partizione HFS+. Le istruzioni sono riportate nella sezione "Aggiunta di una partizione HFS+".
  2. Montare la partizione EFI originale e la nuova partizione HFS+ immettendo i seguenti comandi.

    sudo  diskutil  mount  disk0s1
    sudo  diskutil  mount  disk0s3
    

    La partizione EFI originale avrà il nome di EFI e la nuova partizione HFS+ avrà il nome Ubuntu.

  3. Nel nuovo volume denominato Ubuntucreare le cartelle EFI/ubuntu e System/Library/CoreServicesinserendo i seguenti comandi.

    mkdir  -p  /Volumes/Ubuntu/EFI/ubuntu
    mkdir  -p  /Volumes/Ubuntu/System/Library/CoreServices
    
  4. Copiare i file grub.cfg e grubx64.efi nel nuovo volume denominato Ubuntu. I comandi necessari sono riportati di seguito.

    cp  /Volumes/EFI/EFI/ubuntu/grub.cfg  /Volumes/Ubuntu/EFI/ubuntu/grub.cfg
    cp  /Volumes/EFI/EFI/ubuntu/grubx64.efi  /Volumes/Ubuntu/System/Library/CoreServices/boot.efi
    
  5. Smontare la partizione EFI originale e la nuova partizione HFS+ immettendo i seguenti comandi.

    diskutil  unmount  disk0s1
    diskutil  unmount  disk0s3
    

Pro: Non è necessario utilizzare il gestore di avvio di terze parti rEFInd.

Contro: Se la partizione grubx64.efi o grub.cfg vengono aggiornati, è necessario copiare manualmente questi file nel nuovo volume denominato Ubuntu.

Aggiunta di un'icona personalizzata

I passaggi seguenti aggiungono la seguente icona di Ubuntu al menu di avvio.

Os_ubuntu.png

  1. Scaricare una raccolta di icone dal sito web sourceforge Mac icns.
  2. Utilizzare l'applicazione Finder per aprire il file scaricato. mac-icns.dmg. Suppongo che questo file sia stato scaricato nel vostro ~/Downloads cartella.
  3. Montare il volume denominato Ubuntu immettendo il seguente comando.

    sudo  diskutil  mount  disk0s3
    
  4. Utilizzare l'applicazione Finder per copiare il file os_ubuntu.icns nella cartella principale del volume denominato Ubuntu. In alternativa, è possibile utilizzare il comando mostrato di seguito.

    sudo cp  /Volumes/mac-icns/os_ubuntu.icns  /Volumes/Ubuntu/.
    
  5. Rinominare il file os_ubuntu.icns in .VolumeIcon.icns. Per farlo, digitate il seguente comando.

    sudo mv  /Volumes/Ubuntu/os_ubuntu.icns  /Volumes/Ubuntu/.VolumeIcon.icns
    

    Nota: I file che iniziano con un punto (.) non appaiono normalmente nella finestra di un'applicazione del Finder.

  6. Usare l'applicazione Finder per espellere la partizione di sistema EFI con il nome di volume Ubuntu. In alternativa, è possibile utilizzare il comando riportato di seguito per smontare il volume.

    diskutil  unmount  disk0s3
    
  7. Utilizzate l'applicazione Finder per espellere il volume denominato mac-icns.

Aggiunta di una partizione HFS+

Nota: Di seguito è riportato il risultato di diskutil list che avete fornito nella vostra domanda.

  1. Inserite il comando seguente in una finestra dell'applicazione Terminale. Verrà creato un volume "Mac OS Extended" chiamato "Ubuntu" in una nuova partizione.

    sudo  diskutil  apfs  resizeContainer  disk0s2  242300M  HFS+  Ubuntu  200M
    
  2. Ottenete l'UUID del volume denominato "Ubuntu" immettendo il comando seguente.

     diskutil info Ubuntu | grep "Volume UUID"
    

    Il risultato dovrebbe essere simile a quello mostrato di seguito.

       Volume UUID:              795F14D2-ED1F-3CA0-A004-BD0A27000DC8
    
  3. Quindi, impedite che il nuovo volume denominato "Ubuntu" venga montato automaticamente, immettendo i seguenti comandi. Sostituite il vostro UUID con quello mostrato di seguito.

    sudo  bash
    echo  >> /etc/fstab
    echo  UUID=795F14D2-ED1F-3CA0-A004-BD0A27000DC8 none hfs rw,noauto >> /etc/fstab
    exit
    

    Nota: il modo corretto per modificare il comando /etc/fstab è quello di utilizzare il comando sudo vifs. Utilizzando il comando echo è solo una scorciatoia rapida.

  4. Utilizzare l'applicazione Finder per espellere il nuovo volume. In alternativa, è possibile immettere il comando mostrato di seguito per smontare il volume.

    diskutil  unmount  Ubuntu
    

Se avete bisogno di approfondire uno dei passaggi sopra descritti, fatemelo sapere.

Ricorda qualcosa, che puoi permetterti di chiarire la tua esperienza se ti è stato utile.



Utilizzate il nostro motore di ricerca

Ricerca
Generic filters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.